Associazione Progetto Accoglienza | Progetto Coltiviamo l’attesa – Oggi abbiamo trapiantato!
16007
post-template-default,single,single-post,postid-16007,single-format-standard,tribe-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-10.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

Progetto Coltiviamo l’attesa – Oggi abbiamo trapiantato!

Progetto Coltiviamo l’attesa – Oggi abbiamo trapiantato!

I partecipanti sono stati coinvolti nel momento dell’acquisto delle piantine presso i vivai e rivenditori locali, dopo aver ragionato insieme nel corso degli incontri di progettazione sull’importanza di preferire semi e piante di tipo biologico.

La messa a dimora di piantine e la semina diretta di alcuni ortaggi è stata occasione per riflettere in primo luogo sulle distanze di impianto e l’importanza di essere precisi nella disposizione in campo come preventivato in sede progettuale. La corrispondenza delle azioni rispetto al disegno ci ha permesso di ottimizzare le spese fatte e di predisporre l’orto ad una produzione ottimale. E’ quindi stata posta attenzione anche alla tecnica di preparazione dei solchi o delle buche per i trapianti utilizzando semplici utensili autocostruiti (ad esempio legni di lunghezza pari alla distanza tra le piante da usare come distanziometri in modo da velocizzare il lavoro).

Inoltre è stata posta particolare attenzione alla corretta manipolazione delle piantine prima e durante il trapianto, alla corretta procedura di irrigazione al trapianto e nei primi giorni di crescita delle piante, fino all’attenzione allo smaltimento corretto dei rifiuti prodotti (sacchi di concime, vassoi delle piantine non riutilizzabili. Non siamo stati bravissimi?

Sono state anche seminate varietà di piante come arachidi e okra tipiche dei paesi di provenienza dei ragazzi e adattabili senza problemi ai nostri climi in modo da poter offrire uno spunto di relazione con le altre persone che frequentano gli orti sociali.

Ce la faranno a crescere e a maturare?

 

 

 

Progetto sostenuto con i fondi 8X1000 della Chiesa Valdese.

Nessun commento

Commenta